Sentimento dello spazio

Just another WordPress.com site

Mente e Paesaggio 2 luglio 2011

Filed under: libri,natura — Sentimento dello Spazio @ 15:59

“Mente e Paesaggio. Una teoria della vivibilità”

di Ugo Morelli

Bollati Boringhieri

2011

Il paesaggio è per i luoghi ciò che la parola diventa quando entra in una storia.

Ognuno di noi ha un paesaggio nella mente e nel cuore. Un luogo dell’anima a cui è legato per origine o per scelta. O per tutte e due le cose. Che cosa ci incanta del paesaggio? Quali sono le ragioni che lo fanno somigliare a un’opera d’arte creata per noi dalla natura? Un luogo di elezione che assume a volte il timbro di una sinfonia e ci consegna il conforto di un calore quasi materno? Se si approfondiscono questi temi, come si fa in questo libro usando, tra l’altro, le vie delle scienze cognitive, il paesaggio diviene spazio di vita che connette il mondo esterno con il nostro mondo interno. Il paesaggio è sia dentro che fuori di noi e, mentre lo creiamo con la nostra immaginazione, a sua volta influenza i nostri stati d’animo, la qualità della nostra vita e la vivibilità nostra e della nostra specie. Ora che la nostra specie rischia la propria vivibilità sul pianeta terra, il paesaggio da sfondo assume una centralità che è figlia della malinconia e di un senso di perdita e che richiede un profondo cambiamento di idee e di comportamenti.

I volti dei propri cari e il paesaggio attorno sono le prime immagini del mondo per chi viene alla vita. In entrambi i casi si tratta di un’originarietà affettiva, che segnerà nel profondo, generando infinite risonanze. Alcune le conserva l’espressione «luogo del cuore», con cui si allude a un vincolo – tra quell’individuo e quel paesaggio – di intensità paragonabile a un rapporto d’amore. Di emozioni vitali, ma soprattutto della mente relazionale che le elabora, parla questo saggio di Ugo Morelli, e lo fa con un timbro e da un’angolazione del tutto inediti. Etica, politica, scienze cognitive, estetica vi confluiscono con sapiente levità e delineano un percorso dai mille, illuminanti, sconfinamenti, privo di recinzioni disciplinari. Il dentro e il fuori sono infatti la cifra stessa del paesaggio: il luogo non è un contorno o uno scenario inerte, e neppure il puro correlato naturale di uno stato d’animo, ma deriva sempre da un costrutto, da qualcosa che prende forma mentale e ridisegna insieme la terra e la nostra presenza su di essa. Ed è proprio la fondamentale coappartenenza di uomo e paesaggio a dettare uno dei precetti meno eludibili dei nostri tempi, ossia la responsabilità nei confronti dei luoghi.

“Decisivo è fare un esame di realtà chiedendosi

cosa ostacola il raggiungimento della pienezza

della nostra seconda vita.

È a questo livello, infatti, che interviene, spesso,

la fallacia della nostra percezione nel ritenere fissa

la natura apparente degli ordini istituiti,

che tendono perciò a presentarsi come immodificabili e ineluttabili.

Il riconoscimento di quella fallacia può aprire

varchi alla creatività, a patto di elaborare

il conflitto che interviene tra forza dell’abitudine,

dipendenza dal passato e capacità creative distintive

di noi esseri umani. Si tratta di cercare di accedere

alla riflessione sulla nostra condizione,

di pensare effettivamente, di pensare davvero.”

Viviamo sulla soglia

Abitiamo menti relazionali

È abitando le menti altrui che diveniamo noi stessi.

La storia di ogni bambino comincia da un ri-conoscimento

La storia dell’umanità comincia dal riconoscimento dell’altro (D. Abulafia)

È provando a immaginare di essere qualcun altro che ci riconosciamo.

Conoscersi è ri-conoscersi

L’altro è la fonte della nostra possibilità

Cambiare idea

Vincoli e possibilità di cambiare idea. Il dramma di esistere e di cambiare idea.

Possiamo avere un’idea e cambiare idea perché siamo animali simbolici.

Tensione rinviante e creatività

Vivibilità

Contro la natura

Con la natura

Siamo parte del tutto e situati. Ferita narcisistica.

Terra Aria, di Giovanni Sollima

Prima possibilità

La mente è plastica, incarnata, situata ed estesa

Risonanza incarnata e molteplicità condivisa

Siamo infanti simbolici di fronte alla prima possibilità.

Siamo una specie creativa.

Seconda vita

Diventiamo umani tante volte……..

Per nascere son nato

Confesso che ho vissuto

Ri-figurarsi

Mindfullness and beauty

L’arte spinge verso la possibilità di abitare le menti altrui e il mondo.

Il libro è stato presentato a Fahrenheit su Radio3  l’8 luglio 2011.  Ascolta


Annunci
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...