Sentimento dello spazio

Just another WordPress.com site

Il giardiniere consapevole 2 luglio 2010

Filed under: architettura,giardini,mostre,natura — Sentimento dello Spazio @ 07:16

IL GIARDINIERE CONSAPEVOLE

pubblicato giovedì 1 luglio 2010 su Exibart

Gilles Clemént -   Jardin  Mandala

Gilles Clemént (Parigi, 1943) era un nome pressoché sconosciuto in Italia. Ma ora anche gli italiani hanno fatto la conoscenza di questo scrittore, entomologo, ingegnere agronomo ma soprattutto, come ama definirsi, giardiniere francese noto in tutto il mondo. Il merito va al Pav di Torino, che gli ha affidato il compito di disegnare il giardino che copre il tetto della struttura semi-ipogea che contiene il Bioma, il nucleo del Parco d’Arte Vivente voluto da Piero Gilardi. Un museo unico in Italia, sorto al posto di un’ex discarica per macerie edilizie e trasformato in luogo all’avanguardia, che affonda le sue radici conGilles Clemént -  Jardin  Mandalacettuali anche nell’idea di “terzo paesaggio”. Un nome coniato proprio da Clemént per definire quello spazio dove la natura incontra lo spazio urbano, dando vita a una sorta di “ribellione” dell’incolto.
È stata quindi quasi una scelta scontata mettere nelle mani di Gilles Clemént Jardin Mandala, il giardino inaugurato a fine giugno che copre il tetto del Pav e che non solo rappresenta il primo lavoro di Clemént in Italia, ma che è anche un compendio del pensiero del celebre “giardiniere”. In questi 500 mq, il cui disegno prende spunto dai mandala buddisti (creazioni in sabbia e pigmenti che sottolineano la delicatezza e l’effimerità dell’esistenza), vivono specie vegetali che si radicano anche nei terreni più aridi e che sopravvivono senza particolari cure.

Questa apparente autarchia vegetale introduce l’altro concetto-chiave di Clément, quello di “giardino in movimento”, uno spazio in cui il giardiniere lavora insieme alla natura, assecondando i suoi mutamenti nel tempo. Un modo d’intendere il ruolo dell’uomo sulla Terra che sembra opposta agli scempi fatti dalla nostra specie in giro per il pianeta, ultimo in ordine cronologico il disastro petrolifero della Louisiana.
“Il modo per non distruggere la natura è assecondarla”, spiega Clément. “Bisogna prendere coscienza che ciascun abitante della Terra è un giardiniere che deve essere responsabile del mondo in cui vive. Purtroppo, soprattutto tra i potenti del mondo, non c’è conoscenza. Si pensa che la natura si possa addomesticare, piegare al volere umano. Ma non è così”.
Il giardino, una parola che nasce del tedesco ‘garten’ e che significa recinto, è diventato così un luogo in cui ingabbiare invece che salvaguardare: “Una volta nei giardini si conservava il meglio della flora e della fauna. Era una specie di cassaforte della biodiversità. Ora, al contrario, ci mettiamo solo i semi che le lobby agricole manipolano e autorizzano a stare in un catalogo che loro stesso pubblicano. In questo modo ci sono solo tre varietà di pomodori, o nemmeno queste a volte, quando in natura ne esistono 95”.
Il discorso sulla biodiversità assume connotati sociali e la paura del diverso in natura somiglia sempre più a quella nei confronti dello straniero: “Non dobbiamo temere le diversità perché essa, con la sua ricchezza, assicura le condizioni dell’invenzione”, afferma Clément. Che continua: “È perché ci sono molte cose diverse che ci può essere, per ibridazione, qualcosa di nuovo. Prendiamo la specie umana: se fossimo stati tutti nello stesso posto avremmo tutti la stessa cultura. E non ci sarebbe la ricchezza del mondo”.
Converebbe quindi fare un salto al Pav e fermarsi a meditare sul fatto che “non siamo come le piante che fabbricano il loro nutrimento a partire dall’energia solare” e che, se “venissimo messi in una foresta, moriremmo dopo tre giorni perché non sappiamo nemmeno i nomi delle piante”. Su questo pianeta, in fondo, siamo solo dei visitatori che si sono scordati di essere ospiti.

stefano riba

Annunci
 

2 Responses to “Il giardiniere consapevole”

  1. Johnd747 Says:

    I appreciate, cause I discovered just what I used to be looking for. You have ended my four day long hunt! God Bless you man. Have a nice day. Bye adgebecedekc


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...